I "Testaieu"

×

Error message

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in i18n_taxonomy_views_pre_render() (line 1317 of /DATA/www/fuorigenova/sites/all/modules/i18n/i18n_taxonomy/i18n_taxonomy.module).

Molto diffusi nel Levante genovese e soprattutto nella Val Graveglia, i testaieu nascono da un impasto piuttosto fluido di acqua, farina e sale, versato nei cosiddetti testetti, piccoli contenitori di terracotta scaldati su fuoco a legna, per formare piccole focaccine poi condite con pesto, oppure, secondo la tradizione più antica e “povera”, semplicemente con olio e parmigiano.
La difficoltà sta nella cottura di questo prelibato piatto: infatti i testetti devono raggiungere una precisa temperatura perché i testaroli risultino perfetti; se i testetti sono troppo caldi, l’impasto brucia, se sono troppo freddi, esso si attacca al fondo.
Oggigiorno, l’arte di fabbricare i testetti in maniera artigianale è tenuta viva nella frazioncina di Iscioli, nel Comune di Ne. Anticamente il calore dei testetti veniva “recuperato” dopo l’uso in cucina, fasciando questi contenitori in panni di lana e ponendoli sotto le coperte per scaldare i letti nelle rigide notti invernali.

Indirizzo

Ne
Posizione: Lat: 44.329289700000 | Long: 9.440335040000

Informazioni

Gallery

Testaieu
I "testetti" in terracotta per cuocere i testaieu