museo dell'emigrante - casa giannini

La leggenda vuole che Amedeo Pietro Giannini, figlio di emigranti favalesi, iniziasse a lavorare, dopo il terremoto che distrusse San Francisco nel 1906, con una cassaforte legata su un carretto. Chiedeva soldi e prometteva che li avrebbe ben utilizzati. Fu talmente convincente ed abile che fondò la Banca d’America e d’Italia e divenne uno degli uomini più potenti del mondo.
Delle sue origini si conserva la casa paterna, che è divenuta un Museo, raggiungibile anche a piedi risalendo una mulattiera e articolato su due piani. Qui sono conservate suppellettili dell’epoca ed una serie di pannelli che illustrano la vita ed i successi di questo celebre ligure. Nei locali, infatti, sono conservati arredi originali che testimoniano la vita quotidiana ottocentesca e sono raccolti documenti e fotografie che ripercorrono le vicende che hanno portato alla creazione dell’impero finanziario di Giannini.
Purtroppo non tutti gli emigranti ebbero fortuna e, tra il 1905 e il 1925, molti di loro fecero ritorno in patria. Sono comunque molte le comunità liguri sparse per il mondo che ogni anno si danno appuntamento a Favale di Malvaro in occasione della “giornata dell’emigrante”, che si tiene l’ultima domenica di giugno

Emergenze turistiche

TAGS
Indirizzo
Località Accereto Favale di Malvaro
Riferimenti per informazioni: Tel. 0185 975 195 (Comune) - oppure tel 0185 975067
Posizione: Lat: 44.449900000000 | Long: 9.260530000000
Informazioni
Riferimenti per informazioni: Tel. 0185 975 195 (Comune) - oppure tel 0185 975067
Apertura: aperto su richiesta in orari da concordare